LA FILTRAZIONE DI SUPERFICIE DELLA CANDELA CERAMICA

Per esemplificare la filtrazione di superficie della candela ceramica possiamo immaginare uno schermo con dei finissimi pori e alcune particelle che cercano di attraversarli.

Generalmente si pensa che questo tipo di filtrazione possa funzionare solo nel caso in cui le particelle abbiano una dimensione maggiore rispetto a quella dei pori, ma non è sempre così. Vediamo i tre casi schematizzati in figura:

1. INTERCETTAZIONE DIRETTA: le particelle sono, effettivamente, più grandi dei pori e non riescono a passare. La ritenzione di queste è totale.

2. PONTE: particelle più piccole potrebbero non essere intercettate dal poro, ma, a causa di un'ostruzione generata da corpuscoli più grandi, si forma una struttura a "ponte" che crea una porosità di dimensioni inferiori.

3. IMPATTO PER INERZIA: A causa della loro massa inerziale, le particelle non seguono il flusso dell'acqua, ma impattano la superficie esterna dalla quale vengono trattenute, non insinuandosi nel poro.  

Passaggio acqua candela BLOG.jpg
Marisa Molinario